Pagina:Rousseau - Il contratto sociale.pdf/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 152 —


Primieramente, quando il principe non amministra più lo stato secondo le leggi, ed usurpa il potere sovrano. Allora si fa un cambiamento notevole, ed è che non il governo si ristringe, ma lo stato: io vuo’ dire che il grande stato si discioglie, e se ne forma un altro in quello, composto solamente dei membri del governo, padrone e tiranno del popolo. Di modo che in quella che il governo usurpa la sovranità, il patto sociale si frange, e tutti i semplici cittadini rientrati di diritto nella loro libertà naturale, sono costretti ma non obbligati ad ubbidire.

    ed a Genova, ma nel corpo del senato composto di patrizi o di plebei, ed eziandio nel corpo dei tribuni quando cominciarono ad usurpare un potere attivo: imperciocchè le parole non fanno niente alle cose; e quando il popolo ha dei capi che governano per lui, qualungue nome portino quei capi, è sempre una aristocrazia.
     Dall’abuso della aristocrazia nacquero guerre civili ed il triumvirato, Silla, Giulio Cesare, Augusto, diventarono in fatto veri monarchi; e finalmente sotto il dispotismo di Tiberio, lo stato si disciolse. La storia romana non ismentisce dunque il mio principio, ma lo conferma.