Pagina:Rousseau - Il contratto sociale.pdf/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 46 —


Quando il popolo sufficientemente informato delibera, se i cittadini non comunicassero punto tra sè, dal gran numero di piccole differenze risulterebbe sempre la volontà generale, e sempre sarebbe buona la deliberazione. Ma quando si fanno dei brogli, o delle associazioni parziali a scapito della grande, la volontà di ciascuna di queste associazioni diventa generale per ciò che riguarda a’ suoi membri, e particolare rispetto allo stato: allora si può dire che non sono più tanti votanti quanti gli uomini, ma bensì quante le associazioni. Le differenze si fanno men numerose, e danno un risultato men generale. Finalmente quando una di queste associazioni è così grande che la vinca su tutte le altre, non si ha più per risultato una somma di piccole differenze, ma una differenza

    di un terzo.» Vedi le considerazioni sul governo di Francia, cap. 2.
     Avrebbe potuto aggiugnere che l’accordo di tutti gli interessi formasi per opposizione di quello di ognuno. Se non vi fossero interessi diversi, appena appena sentirebbesi l’interesse comune che non troverebbe mai nessuno ostacolo; tutto andrebbe da sè, e la politica cessercbbe di essere un’arte.