Pagina:Salgari - Duemila leghe sotto l'America - Vol. II.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 capitolo xv.


Sir John invece di rispondere prese uno di quegli oggetti brillanti che circondavano la mummia. Era una moneta d’argento, rozzamente incisa, bucata nel mezzo, del peso di pochi grammi. L’avvicinò alla lampada e la osservò attentamente.

— Parlate il chinese? chiese Morgan.

— Un po’, disse sir John. Ah!...

— Cosa avete visto?

— Amici miei, noi abbiamo risolto una grande questione che da anni e anni agitava gli scienziati dei due mondi.

— Quale? chiesero ad una voce Burthon e Morgan.

— Sapete voi chi furono i primi abitatori dell’America?

— Le pelli-rosse, rispose Burthon senza esitare.

— E da dove venivano le pelli-rosse?

— Non è facile saperlo.

— Ebbene, guardate questa mummia. Questo uomo fu uno dei primi abitatori dell’America.

— Che! esclamò Morgan. I Chinesi...

— Furono i primi ad abitare l’America, disse sir John.

— Ma chi ve lo dice?

— Questa moneta porta il nome di Ou-Ouang1 e Ou-Ouang imperò 1100 anni prima della venuta di Gesù Cristo.

— Siete sicuro di non ingannarvi, signore?

— Non mi inganno. Lo ripeto: i Chinesi furono i primi a sbarcare ed abitare l’America2.

  1. Ou-Ouang capo della dinastia dei Teheou succeduta a quella dei Chang, cominciò a regnare verso l’anno 1122 prima di G. C.
  2. Una scoperta simile e che destò grande emozione in tutta l’America, fu fatta nell’ottobre del 1882. Il Progresso Italo-Americano di Nuova-York riportava che alcuni minatori avevano trovato nelle miniere di Cassir (Columbia inglese) alla profondi di sei