Pagina:Salgari - I figli dell'aria.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la principessa di turfan 175


Lo Sparviero rasentò per alcune miglia le rive orientali, poi continuò la sua corsa verso la piccola catena dei Kuruk-tag, entrando poco dopo il mezzodì nello Sciamo occidentale, molto più sabbioso, più brullo e più pericoloso di quello orientale, in causa dei venti impetuosi che soffiano dagli elevati altipiani del vicino Tibet.

Non è però arido quanto il Sahara, avendo dei laghi di estensione considerevole, come il Lob-nor che si trova ad un’altezza di settecentonovanta metri sul livello del mare ed il Tustik-dum, ed anche un fiume di largo corso che lo attraversa dal sud al nord, il Darja, senza contarne altri minori.

Sabbie se ne vedevano dappertutto e sempre irrequiete. I venti del Tibet le sollevavano in ondate e cortine e talvolta in colonne immense, roteando su sè stesse e le cui cime toccavano di frequente anche lo Sparviero, quantunque questo si mantenesse ad una altezza di quattrocento metri.

— Come è brutto questo deserto, — disse Rokoff, che lo guardava con una certa curiosità.

— Non è allegro di certo, — rispose il capitano, che gli stava vicino, tracciando delle piccole croci rosse su una carta geografica. — In tre giorni e anche meno lo attraverseremo e ci slanceremo sugli immensi altipiani del Tibet.

— E mi pare che non faccia nemmeno caldo qui.

— Ci troviamo a milleduecento metri sul livello del mare.

— Ditemi, capitano, è vero che sulle rive dei fiumi che attraversano lo Sciamo si trova molto oro?

— Tutta l’Asia centrale e specialmente la Cina ha miniere ricchissime, forse più che l’America e l’Australia.

— E non si lavorano?

— Voi dimenticate che la Mongolìa appartiene all’impero cinese.

— E che cosa volete dire con ciò? — chiese Rokoff.

— Che il governo imperiale proibisce severamente ai suoi sudditi di lavorare sia le miniere d’oro, che d’argento e di mercurio.

— E per quali motivi?

— Per non togliere braccia all’agricoltura e anche per evitare disordini. Ogni minatore sorpreso a cercar l’oro, qui come in Cina, senz’altro viene decapitato.

— Oh! gli stupidi! Eppure la Cina non è molto ricca in fatto di monete d’oro e d’argento.