Pagina:Salgari - I figli dell'aria.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28 capitolo terzo


— Ti dico che eravamo qui. Chi può averci trasportati in quella stanza?

— Ne siete certo, signore? — chiese il maggiordomo con accento alquanto incredulo.

— Sì, noi eravamo qui.

— Se la porta era chiusa!

— Eppure non abbiamo sognato. Il tuo padrone aveva paura di venire assassinato e ci aveva pregati di tenergli compagnia.

— E vi siete svegliati nella vostra stanza? Oh!

— Ci hai ben veduti uscire.

— È vero. — disse il cinese, il cui stupore non aveva più limiti.

Poi, come fosse stato colpito da un improvviso pensiero, chiese:

— Voi avete veduto il mio padrone toccare la molla segreta che doveva aprire la porta?

— Eravamo assieme a lui, — rispose Fedoro.

Il viso del maggiordomo si fece oscuro ed i suoi occhi si fissarono sul russo.

— Ah, — disse poi.

— Che cos’hai? — chiese Fedoro con inquietudine.

— Dico che se conoscevate il segreto della molla, potevate anche uscire e tornare nella vostra stanza.

— Tu oseresti sospettare di noi?

— Non è a me che tocca indagare su questo affare misterioso, — disse il cinese con voce lenta, — bensì ai magistrati della giustizia. Ecco la polizia: sbrigatevela come meglio potete. —


CAPITOLO IV.

Un’accusa infame.

Un cinese piuttosto attempato, tozzo, dall’aria arcigna, con una lunga coda che gli batteva le calcagna e un paio d’occhiali giganteschi che gli coprivano buona parte del viso, era allora entrato nella stanza, seguito da quattro individui d’aspetto punto rassicurante e armati di scimitarre.

Vedendo i due europei, i quali erano rimasti come fulminati dalle ultime parole del maggiordomo, mosse verso di loro, salutandoli con affettata cortesia.

— Chi siete voi? — chiese Fedoro, che cominciava a diventare assai inquieto per la brutta piega che prendevano le cose.