Pagina:Salgari - I figli dell'aria.djvu/350

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
306 capitolo trentatreesimo

supera tutti toccando un’altezza di ben ottomila e ottocento sessanta metri.

La catena dell’Imalaia, che è la più vasta che esista sul nostro pianeta, e che in sanscrito significa luogo nevoso, perchè è sempre coperta di nevi anche durante l’estate, corre dal Bengala al Cascemir per uno spazio di 1.096.000 chilometri quadrati, limitata all’est dal Brahmaputra e all’ovest dall’India, i due più grandi fiumi della penisola indostana.

Ancora cent’anni or sono era pochissimo nota agli europei, in causa delle ostilità dei montanari e soprattutto delle tribù dei Gorka, le quali negavano ostinatamente il passo agli esploratori inglesi, come se temessero che i piedi degli uomini bianchi portassero sventura o scatenassero i mani nascosti nelle caverne di quelle enormi montagne.

Fu solamente nel 1809 e poi nel 1815 che gli ufficiali inglesi, approfittando della guerra che combattevano contro le tribù montanare del Bopal, poterono spingersi su per quelle immense vallate e quindi misurare una ad una le altezze delle montagne con strumenti così imperfetti, da non poter dare a essi la loro esatta dimensione.

Kirpatrik e Fraser, due distinti ufficiali, furono primi a tentare l’ascensione di quei colossi, seguiti poi dal capitano Webb e da Colebrosk. Il colonnello Waugh saliva in seguito l’Everest, poi Humbold il Fawahir, Gerard il Chipca-Pic ai confini della Tartaria cinese, poi Hodgson e il tenente Herbet visitavano la catena centrale, scoprendo nel 1821 la vera sorgente del maestoso Gange, il fiume sacro degli Indiani, situato a circa 4480 metri, vicino al Vanaro Fuga. Oggi tutta la catena è nota e tutti i monti sono stati esplorati e misurati scrupolosamente.

Questo enorme ammasso di montagne ha undici passaggi posti però ad altezze che variano fra i cinquemila e i seimila metri, ventisette picchi culminanti che toccano i seimilacinquecento metri fino ai settemilaseicentosettanta e un numero infinito di ghiacciai situati a un’altezza straordinaria, quasi quanto il Chimborazo, il colosso dell’America meridionale.

Tutti gl’Indiani hanno una grande venerazione per la catena dell’Imalaia, che per loro è d’origine santa e da migliaia e migliaia d’anni milioni di pellegrini si recano a visitare i templi sparsi su quelle giogaie. Anzi, secondo una loro tradizione, esisterebbe fra quei monti un lago sacro ove