Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


nel mezzo d'una folta macchia di banani e le misero ad arrostire dopo averle tagliate in grosse fette.

Mentre si cucinavano assalirono l'uva marina, i meloni, i mongoi e le noci di cocco gustando di queste ultime il latte denso e dolce e molto nutriente.

– Che ci lascino finire la colazione? – chiese Ioao, il quale sorvegliava la cottura delle frutta d'artocarpo, pur mangiando e bevendo.

– Possono aver perdute le nostre tracce – rispose il cinese.

– Non ci fermeremo molto qui. Ho fretta di giungere dal capo tuo amico.

– Io non ne ho meno di voi. Temo per la nostra nave e per i nostri compagni.

– Che i selvaggi ed i banditi l'abbiano di già assalita? – chiese Ioao con angoscia.

– Vorranno prima assicurarsi di noi, signor Ioao. Il capo della piroga sapeva che io volevo recarmi da Tafua per aiuti e non oserà intraprendere nulla contro l'Alcione finché non ci avrà in sua mano.

– Siamo ancora molto lontani dalle spiagge settentrionali dell'isola?

– Forse siamo più vicini di quello che supponete – rispose Sao-King. – Mi pare di riconoscere queste coste.

– Allora possiamo trovarci sul territorio di Tafua.

– Lo suppongo.

– Se trovassimo qualche guida!

– Non mi fiderei, signor Ioao. Preferisco guidarmi da me.

Avevano allora terminata la colazione e si erano entrambi alzati per combattere il sonno che a poco a poco li prendeva.

– Ripartiamo – disse Ioao. – Se mi fermassi ancora un po' mi addormenterei. Seguiamo ancora la costa?

– Sì – rispose Sao-King.

Stette un po' in ascolto, poi attraversò il fiume raggiungendo la riva opposta.

In quel momento verso la foce udì una voce umana a gridare ripetutamente:

Tamadao! Tamadao!

– Fermo! – disse a Ioao. – Vi è qualcuno sulla costa.

– I nostri nemici? – chiese il giovane armando precipitosamente il fucile.

– Gettatevi a terra e seguitemi. Forse si tratta di qualche pescatore.

– Come lo sai?

Tamadao è il nome d'un grosso pesce che abbonda nelle acque di queste isole.

– E se fosse invece uno dei nostri nemici?

– Volteremo subito le spalle e rientreremo nella foresta. Ormai li conosciamo troppo bene per ingannarci.