Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


3.

UN BARBARO SUPPLIZIO

Il capitano Carvadho, vedendo comparire sulla tolda Sao-King, il capo dei coolies, che tutti ormai credevano appestato avendo portato il morto, come si disse gli si era precipitato incontro impugnando la pistola.

– Se mi tocchi, ti uccido! – gli aveva gridato con voce strozzata dal terrore.

Il commissario, sapendo con quale uomo aveva da fare e temendo che la morte del capo degli arruolati scatenasse l'uragano che già muggiva sotto i piedi dell'equipaggio, si era slanciato rapidamente innanzi, frapponendosi fra i due uomini.

– Voi non toccherete quel cinese! – aveva gridato, mettendosi dinanzi alla pistola. – Un assassinio dinanzi a me, mai!... Io rappresento il governo!...

– Al diavolo il vostro governo! – gridò il capitano. – Ho le tasche piene del vostro Perù!

– Vi dico che non ucciderete quell'uomo! È sotto la protezione della bandiera peruviana.

– Se a voi garba pigliarvi la peste, riconducetelo nel frapponte. Né io, né alcuno dei miei marinai lo toccheranno. D'altronde la faccenda non sarà lunga. Una palla nel cranio e poi con un gancio lo butteremo ai pescicani. Se la peste c'è a bordo, che rimanga nel frapponte.

Il signor de Ferreira dinanzi a così ributtante ferocia, impallidì.

– Vivaddio! Deponete quell'arma! – gridò.

– Eh! Eh! – ghignò il gigante. – Diventate molto tenero, signor de Ferreira, per queste pelli-gialle.

– Io rappresento la civiltà ed un governo.

– Parole vuote per me.

– E l'umanità.

– Bella cosa!... Orsù, finiamola!... La peste mi fa paura!

Aveva rialzata l'arma mirando il cinese, ma il commissario, a rischio di prendersi la scarica in pieno petto, con un gesto fulmineo gli aveva strappata la pistola gettandola sopra il bordo.

Il gigante aveva mandato un vero ruggito.

– A me i malesi! – gridò.

Sette od otto uomini color del mattone rosso cupo a riflessi olivastri, quasi interamente nudi, si erano staccati dalle murate levando dalle cinture i loro lunghi pugnali a lama serpeggiante, armi terribili nelle loro mani.

In quell'istante il giovane de Ferriera, che fino allora aveva assistito a quella scena senza parlare, con un rapido movimento si era slanciato verso il fratello, dicendo con voce risoluta: