Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ma dominare anche tutto il canalone o meglio la spaccatura che saliva verso la vetta.

– Nessuno – disse. – La piroga è nostra.

Volse le spalle e nuotò in direzione dello scoglio sul quale lo attendeva Sao-King.

Il ritorno si compì felicemente, senza cattivi incontri, quantunque i pescicani e le murene non dovessero mancare in quei luoghi.

– Avete veduta la piccola baia? – chiese Sao-King, aiutandolo a risalire sullo scoglio.

– Sì – rispose Ioao, scuotendosi di dosso l'acqua. – Vi è un solo selvaggio a guardia d'una piroga.

– Siete certo che non ve ne siano altri?

– Non ne ho veduti di più.

– Che cosa faceva quel selvaggio?

– Raccoglieva molluschi e conchiglie.

– Che si possa sorprenderlo?

– Bisognerebbe attendere la notte, Sao-King. Noi non abbiamo che un coltello, mentre quel selvaggio avrà la sua mazza ed il suo arco. Sono abili arcieri questi isolani?

– Sì, – rispose il cinese, – e quantunque le loro frecce abbiano la punta di legno, producono delle ferite pericolose.

– Ragione di più per attendere la notte, Sao-King. Lo sorprenderemo senza correre alcun rischio.

– Allora possiamo intanto cercarci la colazione, signor Ioao. È da ieri che non mettiamo niente sotto i denti.

– Non vedo nulla che possa servire pel nostro ventre.

– So dove trovare la colazione – disse il cinese. – Non avete osservato che il nostro scoglio è tutto traforato?

– Sì, Sao-King.

– È là dentro che si nascondono i grossi crostacei.

– Che saremo costretti a mangiar crudi.

– Sì, pel momento, ma domani ne cucineremo alcuni a bordo dell'Alcione.

– Se troverò ancora mio fratello? – disse Ioao, con un sospiro. – Povero Cyrillo, chissà quante angosce avrà provato durante la nostra assenza.

– Se tutto va bene, domani mattina vedremo il signor commissario ed il signor Vargas. Orsù, coraggio signor Ioao e pensiamo alla colazione.

Sao-King stava per scendere la scogliera, quando la sua attenzione fu attirata da una cavità ripiena di terra sulla quale crescevano alcune erbe dalle radici molto grosse.

– Signor Ioao, – disse, – non vedete dei buchi qui?

– Sì, Sao-King.