Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/298

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dieci o dodici guerrieri si erano precipitati fuori dal carbet urlando:

Caramurà! Caramurà! Paraguazu!

Erano in preda alla più violenta eccitazione. Dimenavano furiosamente le mazze percuotendo il suolo, balzavano come tigri, roteando su se stessi e si graffiavano le gote facendo zampillare il sangue, ripetendo sempre:

Caramurà paraguazu!... Paraguazu!

– Che cosa vorrà dire paraguazu? – si chiese Alvaro.

– Ho udito a pronunciare ancora questa parola quando mi condussero qui – disse Garcia. – Sarà qualche imprecazione.

Altri guerrieri erano usciti portando sulle loro mazze, incrociate a guisa di barella, un uomo che non dava più segno di vita e che aveva ancora, infisso nei capelli, un diadema di penne di tucano.

– Ho ucciso qualche capo – disse Alvaro.

I guerrieri deposero a terra il cadavere, poi cominciarono attorno a lui una fantasia indemoniata, ululando come guarà.

Spiccavano salti, percuotevano con fracasso assordante le mazze, soffiavano entro flauti di guerra formati con tibie umane, poi tendevano le pugna verso Alvaro con gesto minaccioso.

Altri guerrieri erano sopraggiunti e altri ancora ne venivano dai carbet vicini e tutti armati di mazze, di gravatane, di archi lunghi quasi due metri e di scuri di pietra o di conchiglia.

Ad un tratto una fitta tempesta di frecce attraversa l'aria. Archi e gravatane lanciano dardi verso il tetto della prigione con rapidità prodigiosa, contro le pareti e contro i vasi che barricano la porta.

– Ci assalgono – disse Alvaro, sdraiandosi sul tetto, subito imitato da Garcia.

Le frecce però non giungevano fino a loro, giacché i selvaggi si tenevano prudentemente a debita distanza. La paura li tratteneva ancora, quantunque in meno di due minuti il loro numero si fosse raddoppiato.

Erano almeno quattrocento e guai se in quel momento si fossero scagliati tutti insieme all'assalto del carbet.

Alvaro ben poco danno avrebbe potuto fare con un solo fucile e che per ricaricarlo richiedeva un certo tempo. Avesse almeno avuto anche quello del mozzo!

Quel grandinare di frecce, e probabilmente avvelenate, durò