Pagina:Salgari - La Stella Polare.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


quasi a picco; tal'altra invece scendeva dolcemente formando delle penisolette e delle insenature verdeggianti, d'un effetto bellissimo che contrastava vivamente con la tinta azzurro-cupa del mare.

La Stella Polare però non s'arrestava e proseguiva la sua corsa, frettolosa di solcare le acque del mare del Nord.

Söndeled, una bella cittadina, situata nel fjord omonimo, apparve per qualche istante, mostrando le sue bianche casette a punta; più tardi fu segnalato Grimstad, altra cittaduzza, frequentata per lo più da pescatori, e situata nel mezzo di un'ampia insenatura, quindi verso il tramonto le isole che chiudono il largo fjord di Christiansand, una delle più belle e anche delle più industriose città della Norvegia, che non la cede a Bergen ed a Stavanger.

L'indomani la Stella Polare, superato il capo di Lindesnas, navigava nelle acque del mare del Nord, uno dei più vasti dell'Europa, che bagna contemporaneamente le coste occidentali della Norvegia, quelle orientali dell'Inghilterra e quelle settentrionali della Germania, dell'Olanda, del Belgio e di parte della Francia.

– Che tinta cupa ha questo mare – disse Harry Stökken, l'ingegnere di macchina, abbordando il capitano Evensen che stava osservando, con un cannocchiale, le coste norvegesi.

– Sì, più oscure di quelle dello Skager-Rak – rispose il lupo di mare. – Forse qualche tempesta le ha scombussolate.

– Scoppiata molto lontana forse?

– Lontanissima di certo, probabilmente nell'Oceano Artico. Voi sapete che le onde, quando non trovano sulla loro via delle terre di grandi estensioni, si propagano a delle distanze immense – disse il capitano. – Nell'Oceano Artico io ho veduto delle ondate che provenivano da una distanza di cinque o seicento miglia. Nel Pacifico poi, se ne sono osservate di quelle che avevano attraversata una distanza di mille e perfino di millecinquecento.

– Incredibile.

– Ma verissimo, ingegnere.

– Ditemi, signor Evensen, è vero che il mare del Nord ha un livello inferiore a quello del Baltico?

– Ordinariamente quasi tutti i mari interni hanno una notevole differenza di livello in paragone di quelli aperti. Sembra molto strano