Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/286

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
256 sul mare delle perle


— Possono disporre di una ventina di galee.

— E porta ognuna?

— Ventiquattro o trentasei uomini, metà rematori e metà combattenti.

— Tutti insieme formano un bel numero — disse Jean Baret. — Se si accorgono della nostra presenza, ci faranno ballare una pessima monferrina o una sarabanda.

— Ci avvicineremo con cautela e fuggiremo subito nella caverna dei pesci-cani.

— Non ci seguiranno?

— Lo tenteranno e forse potrebbero anche riuscire.

— E allora prenderanno il vostro Bangalore.

— Vi sono dei nascondigli nella caverna, da noi soli conosciuti, e che i cingalesi non oseranno perlustrare. Centinaia di pesci-cani inferociscono là dentro ed essendo le galee basse assai, gli equipaggi si esporrebbero al rischio di farsi divorare.

— Ed a voi non fanno nulla quegli squali?

— Con noi sono famigliarizzati e non ci fanno male alcuno, essendo i loro provveditori. Tutti i giorni i miei uomini danno loro da mangiare ed essi hanno imparato a essere riconoscenti.

— Questa è curiosa! Dei pesci-cani ammaestrati!

— È come ve la racconto, Jean Baret, e ve ne persuaderete quando entreremo nella caverna.

— Sicchè il vostro scoglio è imprendibile.

— Tale da sfidare anche gli assalti degli europei.

— Sono ansioso di vederlo.