Pagina:Satire (Giovenale).djvu/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68 note

mente la più naturale. E se una dotta autorità può renderla più accettabile, dirò che essa fu approvata da quell’uomo di ottime lettere, e tanto benemerito degli studii classici, che è Enrico Bindi, oggi Arcivescovo di Siena: al quale, ne’ miei dubbi, fui sempre solito ricorrere con grande stima e affetto di antico scolare.

28 Allusione manifesta a quel di Virgilio: «jam proximus ardet Ucalegon». En. II. 311.

29 Due scultori greci di gran fama.

30 Quando i Romani entrarono colle armi vittoriose in Asia, la spogliarono d’ogni oggetto più prezioso: e molte famiglie conservavano ancora ai tempi di Giovenale quelle antiche rarità.

31 Non che questo Asturico fosse veramente un persiano; ma perchè i Persiani erano proverbiali per le loro ricchezze e il gran lusso.

32 Claudio Druso Cesare, del quale Svetonio in Claud. 8. dice che dormiva molto e così sodo, che neppure lo scoppio d’un tuono poteva svegliarlo. Quanto ai vitelli marini o foche V. Plin. nat. IX. 13.

33 La distribuzione della sportola si faceva in danaro, in generi, ed anco in vivande calde. Qui si parla di quest’ultima; a pigliar la quale andavano tutti ben muniti di cassarole e d’un tamburlano con fuoco, dove le si mettevano, perchè si mantenessero calde. Questo Corbulone, o fosse un atleta molto gagliardo, o quel Domizio Corbulone, generale sotto Nerone e saccheggiatore dell’Armenia, che Tacito dice: «corpore ingens» nulla importa per l’intelligenza di questo passo.

34 Tutto questo lavorio, perchè si aspetta quel misero a pranzo. Prima di mettersi a tavola era uso di bagnarsi, ungersi e stregghiarsi ben bene.

35 Nota la piacevolezza di confrontare questi eroi da taverna ad Achille. Come la morte dell’amico Patroclo togliesse i sonni ad Achille, sentilo da questi versi dell’Iliade tradotta dal Monti; lib. xxiv:

.... in queste ricordanze

Dirottamente lagrimava, ed ora

Giacea sui fianchi, or prono ed or supino:

Poi di repente in pie balzato errava

Mesto sul lido.

36 Gli Ebrei erano riguardati in Roma con grandissimo dispiezzo, e nessun romano poteva entrare nelle loro sina-