Pagina:Schiaparelli - Scritti della astronomia antica, 1926.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

astro-meteorologici degli antichi 281

....le tenebrose

Nebbie soffiate dal gelato Arturo,


e Parini accusare degli incomodi invernali


Orïon che dal cielo
Declinando iraperversa,
E pioggia, e nevi, e gelo
Sopra la terra ottenebrata versa.

Simili espressioni figurate poco a poco vennero prese alla lettera, nè solo dal volgo; mille prove se ne hanno anche presso scrittori di buon criterio. Valga per tutti ancora il naturalista Plinio, che è il primo che mi vien nelle mani (libro II, e. 39). Ut solis natura temperando intelligitur anno, sic reliquorum quoque siderum propria est quibusque vis et ad suam cuique naturam fertilis. Alia sunt in liquorem soluti humoris foecunda, alia concreti in pruinas, aut coacti in nives, aut glaciati in grandines, alia flatus, alia teporis, alia vaporis, alia roris, alia rigoris... Igitur in suo quaeque motu naturam suam exercent, quod manifestum Saturni maxime transitus imbribus faciunt. Nec maentium modo siderum haec vis est, sed multorum etiam adhaerentium cælo, quotiens errantium accessu impulsa aut conjectu radiorum extimulata sunt, qualiter in Suculis sentimus accidere, quas Graeci Hyades ob id pluvio nomine appellant; quin et sua sponte quaedam statisque temporibus, ut Haedorum exortus. Arcturi vero sidus non ferme sine procellosa grandine emergit. Ganiculae exortu accendi Solis vapores quis ignorat? cujus sideris effectus amplissimi in terra sentiuntur. Fervent maria exoriente eo, fluctuant in cellis vina, moventur stagna. Canes quidem toto eo spatio maxime in rabiem agi non est dubium.

Ma doveva avvenire di peggio ancora; e ad accrescere la confusione su questo proposito entrò un nuovo elemento. Sotto i successori d’Alessandro la Grecia e l’Oriente vennero a stretto contatto intellettuale; l’Asia, la gran madre d’ogni superstizione, fecondata dal genio ellenico, produsse una scienza ibrida di nuovo genero, l’Astrologia matematica; nella quale con mostruosa combinazione la geometria dei Greci ed i più raffi nati calcoli della loro Astronomia servirono a dare apparenza scientifica e razionale alla predizione dell’avvenire. Le vecchie dottrine astrologiche dei Caldei nella loro forma primitiva