Pagina:Serao - Cristina, Roma, Voghera, 1908.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sacrilegio 99


scherzasse, poichè esse si lasciavano prendere egualmente dai suoi accessi di passione furiosa, come dalle dolcezze dei suoi periodi d’indolenza. Quest’anima strana, piena di forza e piena di debolezza, ispirava alle donne orgoglio e compassione. Era un innamorato bizzarro che metteva paura e destava pietà. Egli le affascinava con la soavità della voce vellutata, il cui timbro aveva quell’intimità irresistibile a cui le anime si aprono; ma le affascinava anche con quei silenzi lunghi, pieni di cose tetre e d’immaginazioni mostruose per cui le donne si attaccano invincibilmente all’uomo. Eppure