Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

delfina 111


E Cecilia rimase rapita, con una luce negli occhi. La cassa era piena, sgombra la tavola, sgombre le sedie, tutto a posto. Pure ella non chiuse subito la cassa, restò a fissare il coperchio, quasi smemorata, quasi cercasse ricordarsi qualche cosa. Girò così, due o tre volte, per la grande sala, frugando con lo sguardo negli angoli oscuri: ritornò e d’un colpo solo abbassò il coperchio, chiuse le serrature con le chiavicine. Le tremarono le mani. Venne verso sua zia, pallida, e con la voce incerta, le disse:

— O zia, o zia, io me ne vado domani!

Nelle braccia l’una dell’altra piansero. Si sciolsero dinanzi alla svelta e leggiadra figura di giovanetta, vestita di lana bianca, che era apparsa alle loro spalle, lasciando il vano del balcone. Restarono un po’ confuse, un po’ mortificate.

— Delfina, tu devi trovare tutto questo supremamente ridicolo — mormorò Cecilia.

No, ella non rispose. Ma alla stanchezza