Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ideale 167


— Punto. Tutto è inutile, tutto. Buona sera, contessa Mormile.

— Buona sera, duca Sanseverino.


Nel meriggio di settembre tutto taceva. Nella campagna attorno era un grande silenzio. Ogni tanto, di lontano, s’udiva il rumore di una carrozza che passava sulla strada maestra. Nel pianterreno della villa un paio di servitori dormivano sulle panche dell’anticamera, una cameriera agucchiava presso una finestra, un guattero strofinava silenziosamente l’argenteria in cucina. La contessa Laura non amava il fracasso in campagna. Ella stessa stava nel suo salone favorito, che era un po’ salone, un po’ veranda e un po’ serra, dove le tendine moderavano la luce, il ponente soffiava amabilmente, uno zampillo d’acqua rinfrescava l’aria, e i fiori d’autunno appagavano l’occhio. La contessa vestita di