Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
288 un inventore


neppure il boccale di birra che gli ponevano accanto; l’opera veniva alla luce bella e perfetta. Allora egli sorrideva, cantava, ballava dalla gioia, amava Bertha, amava Lottchen, amava tutto il mondo, viveva, scendeva in piazza, acchiappava un par di bambini e li soffocava di baci, mormorando, balbettando che aveva lavorato per essi, che li voleva veder contenti per quanto egli aveva sofferto. E il suo pensiero si fermava sulle infinite testoline bionde e brune che sono le stelle della terra; si fermava con orrore nelle cupe officine, dove tristi inventori lavoravano a creare un’arma nuova e più delle altre micidiale — ed allora l’anima sua si allargava nell’orgoglio di un lavoro onesto e giocondo.


Malgrado la sua cera assorta, noncurante, le sue distrazioni, il suo silenzio, la gente gli