Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
306 commediola


Che cosa buffa! Si spassavano come scolaretti in vacanza. Poi Lucia venne a un tratto seria. Guardava attorno un po’ disillusa. Non trovava nulla di strano, nulla di nuovo. Lui comprese.

— Ecco un salottino che non ha nulla di particolare. Non ce ne sono più che nei romanzi. Noi diventiamo borghesi.

Lei sorrise distrattamente. Ritornò alla commediola.

— Che faremo ora, signor Federigo, che faremo per ingannare quest’uomo? Inventate.

— Dovremo darci del tu.

— È vero, è vero; anzi, fingiamo d’imbrogliarci col tu e col voi.

— Sicuro. Poi guardiamoci lungamente e balbettiamo qualche parola incomprensibile....

— Quando lui ci parla fingiamo di essere distratti, io fisserò l’acqua nel mio bicchiere....

— Ed io farò delle pallottoline di pane...

La commediola andava innanzi, concentrata