Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/215

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La piccola Maria 205


come se mai una goccia di sangue fosse venuta ad animare quella carnagione: proprio esangue. Quante volte, nell’amore più alto di temperatura, nelle loro grandi giornate, egli si era sgomentato, così, di quel volto esangue che nessuna emozione di tenerezza, di entusiasmo, di languore coloriva, giammai! Il bacio più impetuoso rendeva più pallido il posto dove le labbra lo mettevano, sul viso esangue: e un morso vi poteva lasciare un livido, mai mettervi un rossore. Egli si voltò, mentre i due amanti allontanatisi ridevano fra loro: di lui, certo. Egli aveva sempre riso degli uomini che incontrava, in quelle sere, quando Maria lo amava.

Quell’incontro aveva dato un’acuzie di spasimo al suo sonnolento dolore. Così era, per lui, sempre, lo spettacolo dell’amore altrui, da che ella lo aveva lasciato, per sempre. Tutta la sua vita, dopo l’abbandono, dopo il periodo violento del furore e della ribellione, non era che un voler addormentare la sua segreta tortura. Vincerla non poteva, questa tortura, e nessuna persona, nessuna cosa lo avreb-