Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

per un catalogo 97

tiche o a viltà; considerando e cercando e illustrando ogni cosa nella sua sincerità, punto per punto e pagina per pagina, studiando gli scrittori nella loro opera effettiva e le opere d’arte in tutti i loro accidenti e problemi veri, particolari, propri, con una sicurezza di sguardo e con una liberalità di cuore, che conforta a ripensare. Però dico che tutti quelli che si sentono portati dalla natura ad amare le lettere o, se volete, i libri, e a fare della loro consuetudine la consolazione e il fine della vita, non possono avere miglior maestro di lui.

E poichè navigare eternamente fra le nuvole degli astratti non può piacere a nessuno, io voglio che prendiamo uno scrittore fra i nostri e che ci proviamo a leggerlo insieme col Carducci, a paragone con quale si voglia altro. E sia il Petrarca.

Dico che ancora oggi per leggere le rime del Petrarca, per leggerle dico con diletto e con giudizio sicuro e con penetrazione sincera di quelle che sono qualità intime ad esse, niente può valere la edizione commentata da Carducci e Severino Ferrari, e che di quanto il discorso sull’opera di Francesco Petrarca, a parte la eloquenza e la mollezza lirica, cede in parecchi punti al Saggio critico sul Petrarca, di tanto quella edizione poi vince e il Saggio critico e gli altri commenti e tutto il resto. Ma questo si deve dimostrare.

retractationes. — I due primi articoli di questo quaderno1 furono scritti nell’inverno 1908-1909 e comparvero


  1. [Gli Scritti criticiLa Voce», Firenze, 1910) — Comprendeva i primi tre saggi di questo volume].