Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/193

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 scritti di renato serra

nella sua propria qualità nascente ed esitante, in quel contrasto gentile con le altre parti di una natura meno l’elice.

Tale è la prosa del Panzini, e tale l’arte. Bonaria e semplice e piana nella sua superficie, essa è attraversata da una corrente profonda di poesia; la virtù della (piale è appunto in ciò ch’essa resta nascosta e incompiuta, come un riflesso di sole ancora non sorto, come una musica di campane sprofondate, come un sospiro della bocca chiusa.

E a me pare che la immagine se ne rappresenti assai bene nella bellissima si rote, posta sulla bocca della marchesina ciclista. Imperia, (piando guardava alteramente la carovana degli zingari e pensava la sua gioventù consumata senza amore.

«O corona marchionale, o corona del Rosario, che ogni sera la madre mi fa recitare; o corona della virtù e del pudore; o corona di spine delle caste parole e dei misurati gesti; o fiore inutile della verginità in queste mie carni mature, andate al diavolo, lo busserò sino ad infrangere la porta del prete e gli dirò: ‘ Ma dammi la tua benedizione, prete! ’.. Se no, io, anche senza la tua benedizione, prete, fuggirò. Fuggirò pur con lo zingaro orribile e feroce, pur che egli vinca la mia paura e mi rapisca. Rapida correndo, io ho l’illusione di una fuga e di un rapimento. Eppure dopo è necessario il ritorno! Oh, miseria mia grande, dovere invocare il gelo e l’inverno perchè siano medicina alla mia febbre!».

In questa violenza lirica a pena repressa, che corre di sillaba in sillaba, che empie di fremito i versetti salienti in misura e sospira lungamente nelle pause; in questa bontà musicale della prosa, dove i singulti e le bruschezze e gli abbandoni e