Pagina:Sofocle - Edipo Re.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14

Con gl’igniti baleni,
Giove padre, su quello
Scaglia il fulmine tuo. Dall’aurea cocca,
Nume Liceo, tu scocca,
200Certo rimedio ai mali,
Gl’infallibili strali.
Vibri Cintia le faci,
Con che i gioghi Licei va discorrendo:
Ed Evio insiem che d’oro orna la chioma,
205E da Tebe si noma,
Fra lo stuol delle Menadi seguaci,
Teda ardente scotendo,
Insegua e strugga il rio
Fra gli dei tutti abbominato dio.


EDIPO - CORO

edipo
210Tu preghi; e ciò che preghi (ove miei detti
Accor ti piaccia, e porger mano all’opra)
Otterrai, spero, e da cotanti affanni
Sollievo avrai. Stranier son io di Lajo
All’udita vicenda, e poco ir oltre
215Potrei scevro d’indizj: onde, novello
Sendo di Tebe cittadino, a voi
Tutti, o Tebani, in questi accenti io parlo.—
Se alcun tra voi sa di qual mano estinto
Cadde il figlio di Labdaco, verace
220Tutto esponga, io ’l comando. Alcun non tema
Accusar se medesmo: altro soffrirne
Ei non dovrà, che andar di Tebe in bando.