Pagina:Solenni funerali di Pio papa ottavo (Amat).djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
33
 


sì magnanima e profonda umiltà! Essere al di sopra di tutti per il grado, e stimarsi al di sotto di tutti per sentimento è una cosa così difficile, dice Bernardo, e rara, che quasi si accosta al miracolo: In alto positum non altum sapere difficile est, et omnino inusitatum (de off. Episc. c. 8).

Ma sia pur difficile quanto si voglia questa virtù, non fu certo difficile per un PIO ottavo. Innalzato alla Cattedra di S. Pietro dagli universali suffragi, e fra gli applausi della pubblica gioja, udite in quai termini partecipa ai suoi fratelli il fausto annunzio della sua sublime elevazione.

Fratelli miei (son le sue parole). L’immensa misericordia e bontà di Dio ci ha oggi scelti a sedere sulla Cattedra di S. Pietro. Nessun fasto, nessuna pompa, nessuna elevazione. Manteniamoci umili, e compatiteci del peso che il Signore ci ha indossati. Nessun di voi nè della casa si muova dal suo posto.

 
 
3