Pagina:Sonetti romaneschi I.djvu/445

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Sonetti del 1831 133

LA CREAZZIONE DER MONNO.


     L’anno che Ggesucristo impastò er monno,
Ché pe’’ impastallo ggià cc’era la pasta,
Verde lo vòrze1 fà, ggrosso e rritonno,
All’uso d’un cocommero de tasta.2

     Fesce un zole, una luna, e un mappamonno,
Ma de le stelle poi, di’ una catasta:
Sù uscelli, bbèstie immezzo, e ppessci in fonno:
Piantò le piante, e ddoppo disse: “Abbasta„.

     Me scordavo de dì che ccreò ll’omo,
E ccoll’omo la donna, Adamo e Eva;
E jje proibbì de nun toccajje un pomo.

     Ma appena che a mmaggnà ll’ebbe viduti,
Strillò per dio con cuanta vosce aveva:
“Ommini da vienì, sséte futtuti„.3

Terni, 4 ottobre 1831.




  1. Volle.
  2. [Quale sia il significato proprio di tasta può vedersi nella nota 9 del sonetto: La mala fine, 29 sett. 30. Ma poichè i cocomeri si vendono per lo più a prova, facendovisi prima un piccolo buco o taglio, qui de tasta viene a dire “maturo„.]
  3. [Siete rovinati.]