Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ER PRIMO DESCEMMRE


 
     Chiuso appena l’apparto teatrale
Stanotte la Madonna entra in ner mese:
E ffra cquinisci ggiorni pe le cchiese
Principia la novena de Natale.
              
     E ddoppo, ammalappéna se sò intese
Le pifere a ffiní la pastorale, 1
Riecco2 le commedie e ’r Carnovale:
E accusí sse va avanti a sto paese.
              
     Poi Quaresima: poi Pasqua dell’Ova: 3
E, ccom’è tterminato l’ottavario,
Aricomincia la commedia nova.
              
     Pijja inzomma er libbretto der lunario,
E vvedi l’anno scompartito a pprova
Tra Ppurcinella e Iddio senza divario.


Roma, 1° dicembre 1832 - Der medemo


  1. Si allude ai notissimi Piferari, che vengono dagli Abruzzi ogni anno a suonare le cennamelle e cantarvi sù parole inintelliggibili.
  2. Ecco di nuovo.
  3. Così chiama il popolo la Pasqua di Resurrezione, dall’uso antichissimo e simbolico di mangiare in detto giorno gli uovi lessati, e, di più, del salame, segni di rigenerazione.