Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



L'APPIGGIONANTE NOVA


 
     Guardela, Tota, a cquel’ochiaccio ardito,
Guardela a cquer ceffaccio de bbiscotto,
Guardela a cquer cacciasse in ogni sito,
E ddamme torto poi quanno bbarbotto. 1
              
     Nun zò ddu’ mesi c’abbita cqui ssotto,
E ’r viscinato ggià la mostr’a ddito:
Nun zò, Ttota, du’ mesi, e ggià mm’ha rotto
Tre o cquattro vorte er manico ar marito. 2
              
     Me dirai c’un marito costa poco;
Ma ffa’ ddurà sta vergna3 un’invernata,
Si cce va un occhio pe scallasse ar foco!
              
     Lei lo pò ffà pperché ccampa d’entrata,
E sfarza su le bbraccia de cuer coco;
Ma cqua nun c’entra che rrobba pagata.


Roma, 7 dicembre

no match

1832 - Der medemo


  1. Da borbottare.
  2. Marito è per le donne del volgo anche il “caldano„ da uso per le mani e per sotto le vesti.
  3. Affilamento di avventura spiacevole.