Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



UNA BBELLA DIVOZZIONE


 
     Si vvò un terno sicuro, Aghita mia,
Attacca a mmezza-notte er Crielleisonne,
Di’ in ginocchione poi ’na vemmaria
Una per omo1 a ttredisci madonne.
              
     Finito c’abbi er Noscumproleppia,
Di’: “Bbardassarre, Gaspero e Mmarchionne„:2
Poi va’ ffora de casa e ttira via,
E ssi ssenti chiamà nun arisponne.
              
     Va’ ddritto a Ssan Giuvanni Decollato, <ref>In questa chiesa sono associati i cadaveri de’ giustiziati da una fraternità specialmente a ciò addetta. Ivi concorrono in particolar modo le donne, onde ottener numeri di sicura sortita al lotto. Un’altra divozione al medesimo scopo è da esse praticata salendo co’ ginocchi (pure di notte) la lunghissima scalinata di S. Maria

  1. Uno per omo vale: “uno per cadauno„, qualunque sia il genere di cui si parli.
  2. Grande è il concetto in che dal volgo sono tenuti i Re Magi della Epifania per la loro influenza sui misteriosi eventi.