Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/430

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



L'ISTATE


 
’Na caliggine come in cuest’istate
Nu la ricorda nemmanco mi’ nonno.
Tutt’er giorno se smania, e le nottate
Beato lui chi rrequia e ppijja sonno!
              
L’erbe, in campaggna, pareno abbrusciate:
Er fiume sta cche jje se vede er fonno:
Le strade sò ffornasce spalancate;
E sse diría1 che vvadi2 a ffoco er Monno.
              
Nun trovi antro3 che ccani mascilenti
Sdrajati in ’gni portone e ’ggni cortile,
Co la lingua de fora da li denti.
              
Nun piove ppiú dda la mità dd’aprile:
Nun rispireno ppiú mmanco li venti...
Ah! Iddio sce scampi dar calor frebbile! 4


no match

Roma, 8 febbraio 1833


  1. E si direbbe.
  2. Che vada.
  3. Altro.
  4. Crede il popolo, con ispavento, che giunto il calore al grado così detto febbrile, in tutti gli uomini entri la febbre.