Pagina:Specchio di vera penitenza.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

distinzione prima. — cap. i. 11

tato della Penitenzia; i detti de' quali si vogliono sporre e intendere, non riferendo a diversi tempi, ma ad uno medesimo tempo. Quelli che dicono ch'è peccati passati si debbono piangere, e per innanzi non farne più: cioè a dire, che per quello medesimo tempo che altri si duole e piange il peccato commesso, non dee fare né avere più intendimento di fare quello medesimo peccato del quale si pente d'avere fatto, o altro grave peccato per lo quale pentere o fare penitenzia si convenga. Ma pure se intervenga che anche pecchi, o ricaggiendo in quello medesimo peccato o in altro, fu valevole la prima penitenzia e sarà valevole la seconda, e quantunche se ne faccino infino alla morte. Chè la divina misericordia, considerando l'umana fragilità, ha provveduto che 'l sacramento della Penitenzia, non pure una volta come il Battesimo, si possa fare e ricevere, ma tante volte quante si pecca, durando la vita. La qual cosa diede ad intendere Iesu Cristo a san Piero, domandandolo1 egli: Quoties peccabit in me frater meus, et dimittam ei? usque septies? Non dico tibi usque septies, sed usque septuagies septies. Domandòllo san Piero quante volte si dovesse perdonare il peccato, e se bastava sette volte; e Iesu Cristo, misericordioso e cortese, disse: Non pure sette volte, ma settanta volte sette; che tanto è a dire: Tante volte gli perdona quante pecca, o peccare puote, tornando egli a penitenzia. Avvegna che molto è più grave il peccato nel quale l'uomo ricade dopo la penitenzia, che non fu il primaio, per molte ragioni ch'e'Santi n’assegnano, e spezialmente per la ingratitudine della grazia ricevuta da Dio: non che il peccato un’altra volta perdonato per la penitenzia ritorni, ma, quanto allo effetto, per la ingratitudine è più grave molto che ’l primo. La qual cosa volle Iesu Cristo dare

  1. Le edizioni che consultiamo ci porgono: quando domandando, o: quando domandandolo. Il nostro Codice sopprime il quando; al quale, secondo noi, avrebbe dovuto più espressamente rispondere: disse o rispose.