Pagina:Specchio di vera penitenza.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 distinzione terza. - cap. iii.

come dice la Scrittura, che per quello che l’uomo pecca, per quello è punito. Così chi ha fede della misericordia di Dio perseverando nel peccato, fa ingiuria contro a Dio, e dalla misericordia di Dio1 è abbandonato; e spezialmente al punto quando ella sarebbe di maggiore bisogno, cioè all’ora della morte: come si potrebbe provare per molti essempli, i quali scrive san Gregorio, e nelle Leggende de’ Santi e nella Vita de’ Santi Padri si contengono; i quali non si pongono qui, però che sono scritti da più altri, e per non fare troppo lungo trattato. Contro a questa vana e prosuntuosa speranza parla la Scrittura, e dice: Non dire, la misericordia di Dio è molto grande; egli non si ricorda de’ miei peccati: chè sappi, che da lui procede così tosto l’ira e la vendetta, come la misericordia. Onde advegna che Dio sia misericordioso, non vuole però che l’uomo a fidanza l’offenda. E però dice san Gregorio: Considerando che Dio è giusto, non si vogliono lasciare i peccati sanza penitenzia; e considerando ch’egli è misericordioso, non si dee l’uomo disperare. E così, chi vuole la sua vita ammendare, puote nella misericordia di Dio sperare; ma non chi vuole a quella speranza nel male perseverare. A questa vana fidanza si riduce la stolta speranza che molti hanno di lungo vivere e di fare buona fine; e però indugiano la penitenzia, non attendendo quello che dice la Scrittura per lo savio Ecclesiastico: Ne tardes converti ad Dominum, et ne differas de die in diem; subito enim veniet ira illius, et in tempore iracundioe disperdet te: Non tardare di convertirti a Dio, e non indugiare di dì in dì, acciò che subitamente non venga sopra te l’ira sua, e nel tempo della sua vendetta e della sua ira ti disperda; cioè il dì della mor-

  1. Si noti come la lezione del nostro Codice sia meno oscura e però migliore di tutte le altre. - Ediz. del 1495. Così chi ha fede nella ec. Ediz. del 1585: Così chi ha fede della ec. Ediz. del 1725: Così chi alla misericordia ec. Ed altri Manoscritti, citati nell'antedetta: Così chi ha speranza.