Pagina:Specchio di vera penitenza.djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
52 distinzione terza. - cap. iii.

ito al letto, la mattina si trovò dalla famiglia morto. A questo medesimo ammaestramento si può recare quello che dice di sopra del cavaliere d’Inghilterra, e del conte di Matiscona, e di quegli che dimandava indugio insino alla mattina seguente, e non gli valse, secondo che scrive san Gregorio. Onde ben dice la Scrittura: Nescit homo finem suum; sed sicut capiuntur pisces hamo et aves laqueo, ita capiuntur homines in tempore malo: Non sa l’uomo la fine sua; ma come si pigliano i pesci all’amo e gli uccelli al lacciuolo, così si pigliano gli uomini nel tempo reo, o vero quando l’uomo, peccando e facendo le rêtadi, diventa reo. Ed è appellato il tempo reo, quando l’uomo muore ed è giudicato delle sue rêtadi. E però non si dee l’uomo lasciare ingannare a questa vana e stolta speranza, per la quale molti ne vanno a dannazione; sì come dice il savio Ecclesiastico: Promissio nequissima multos perdidit: La promissione ch’altri si fa non dirittamente della lunga vita, molti n’ha già perduti. Della qual cosa dice san Bernardo: perché, misero, del tempo che ha venire, vanamente pressumi, quasi come Dio l’avesse posto, non nella sua, ma nella tua potestade e balía? dicendo egli agli Apostoli: Non est vestrum nosse tempora vel momenta, quoe Pater posuit in sua potestate: Non s’appartiene a voi di sapere l’ore e’ tempi, che ’l Padre ha posto nella sua potestade. Per la qual cosa si dà ad intendere, che chi del tempo ch’è a venire, presume, fa ingiuria a Dio, il quale serba a sé il sapere1 e ’l dispensare il tempo. Non c’inganni adunque, amatissimi2 frategli, la speranza vana, pressumendo della divina misericordia indiscretamente, e stoltamente della lunga vita. E di questa materia dicemmo assai di sopra, dove toccammo della incertitudine della morte.

  1. Così nel manoscritto; e in tutte le stampe il disporre; che poco differisce nel senso, come ognun vede, da dispensare.
  2. Leggiamo qui col Salviati, avendo le altre stampe, e con esse il nostro Codice: amatissimi.