Pagina:Speraz - Cesare, L'ultima notte, Autunno.pdf/227

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 223 —

E le rughe della sua fronte si spianarono, e i suoi occhi si empirono di lagrime.

Cavò una piccolissima pistola dalla tasca del suo soprabito logoro, e se la appuntò al petto...

Il colpo partì.

Il custode accorse, ma troppo tardi. Riccardo era morto vicino alla tomba di sua moglie; la palla gli aveva trapassato il cuore.

Intanto l’ultimo ritornello della canzone slava, si spandeva lietamente nell’aria, tra il profumo dei fiori e i raggi ardenti del sole.




FINE.