Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
152 gaspara stampa


CCLXIII

A Giovan Iacopo Bonetto

     Dotto, saggio, gentil, chiaro Bonetto,
la cui bontà il bel nome ancor pareggia,
e l’alta cortesia, che signoreggia
il nobil cor, ch’a ogniun vi rende accetto,
     saper bramo io dal vostro almo intelletto,
che le cose segrete in Dio vagheggia,
quale è piú, il danno o l’util che si veggia
il mondo trar da l’amoroso affetto.
     Ditemi ancor perché fu Amor dipinto
già dagli antichi, e da’ moderni ancora
si pinge faretrato, ignudo e cieco.
     Questo dubbio da voi mi sia distinto,
che nel mio cor gran tempo già dimora,
mercé de l’ignoranzia ch’è ognor meco.


CCLXIV

Risposta ad un incerto encomiatore.

     È si gradito e sí dolce l’obietto
del mio foco, signor, e tanto e tale,
che di soffrir ardendo non mi cale
ogni acerbo mártir, ogni dispetto.
     Duolmi sol ch’io non sia degno ricetto
di tanto bene e a tanta fiamma eguale,
e che ’l mio stil sia infermo, stanco e frale
a portar l’opra, ove giunge il concetto.
     E sopra tutto duolmi che la ria
mia fortuna s’ingegna sí sovente
a dilungar da me la gloria mia.
     Che mi giova, signor, che fra la gente,
illustre, come dite, e chiara io sia,
se dentro l’alma mia gioia non sente?