Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
168 gaspara stampa


CCXCV

Ad un lodatore di Collaltino di Collalto.

     Signor, che per sí rara cortesia
con rime degne di futura etate
sí dolcemente cantate e lodate
l’alto mio colle, l’alta fiamma mia,
     io priego Amor che, se spietata e ria
vi fu giamai la donna che ora amate,
ferendo lei di quadrella indorate,
la renda a’ desir vostri molle e pia.
     E prego voi che ’l vostro chiaro stile,
lasciato me suggetto senza frutto,
si volga al signor mio chiaro e gentile:
     io per me son quasi un terreno asciutto,
sono una pianta abbandonata e vile,
colta da lui, e suo è ’l pregio in tutto.