Pagina:Storia della geografia (Luigi Hugues) - 2.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 46 —

delle terre conosciute: colà non vi ha notte al solstizio d’estate quando il sole passa il segno del Cancro, e non vi ha giorno al solstizio d’inverno, ed anzi alcuni credono che la notte ed il giorno vi durino, ciascuno, sei mesi. Ciò risulta anche dalla relazione di Pitea di Marsiglia, il quale si era spinto, navigando, a sei giornate di viaggio dalla Britannia nella direzione del nord. La Thule del navigatore marsigliese si chiama in oggi Islanda, dal ghiaccio che la avvolge. Al di là dell’Islanda l’Oceano è gelato, ed è, da grandissimo tempo, così nero ed asciutto che, al contatto di un corpo ardente, abbrucia come l’incenso.

Thyle è una grandissima isola, e abitata da molti popoli che vivono solo dei prodotti del bestiame, e si vestono di pelli. Il suolo non produce frutti, nè alberi, e gli abitanti vivono in caverne sotterranee ed in comune colle pecore. Del resto gli Islandesi conducono una vita semplice e santa, si contentano di quanto loro offre la natura; professano il Cristianesimo e sono eminentemente caritatevoli.

Oltre a Thyle si trovano nell’Oceano settentrionale molte altre isole, tra cui la Groenlandia dirimpetto ai monti della Svezia ed ai Monti Rifei. Dalla Nordmannia alla Groenlandia si contano da 5 a 7 giorni di navigazione. Gli abitanti sono di colore ceruleo, per cui tutta l’isola ricevette il nome di Groenlandia.

La terza isola è Halagland, non dissimile per grandezza dalla Groenlandia e da Thyle, e più vicina, di queste, alla Norvegia. Nella state il sole sta sopra l’orizzonte per 14 giorni di seguito: nell’inverno è invisibile per altrettanto tempo.

Adamo di Brema nomina per ultimo l’isola detta Winland, perchè la vite vi cresce spontaneamente e dà prodotti stimati. Così pure vi abbondano i cereali senza che gli abitanti si prendano cura di seminare il terreno, e questa non è una esagerazione, ma risulta da sicure notizie fornite da molti Danesi.

Al di là di Winland non trovasi più alcuna terra, sì soltanto il mare gelato, nebbie foltissime e oscurità spaventosa.

Sulla grande penisola del Nord Europeo, di cui Other e