Pagina:Storia delle arti del disegno.djvu/317

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

p r e s s o   g l i   E t r u s c h i , ec. 207
Storia delle arti del disegno p0317.png


Capo IV.


Arti presso i popoli limitrofi degli Etruschi... cioè Sanniti... Volsci... e Campani... de’ quali abbiamo monete... e vasi di terra... detti erroneamente etruschi — Di essi alcuni sono propriamente campani... altri greci, e con greca iscrizione — Principali collezioni di questi vasi... fatte in Napoli... e in Sicilia — Uso di essi ne’ sepolcri... ne’ pubblici giuochi... e per ornato nelle case — Pittura e disegno loro — Descrizione d’un vaso Hamiltoniano - D’alcune figure dell’isola di Sardegna. Conclusione.


[Arti presso i popoli limitrofi degli Etruschi...]

Si coltivarono le arti eziandio dai popoli confinanti cogli Etruschi verso oriente e mezzodì, quali furono i Sanniti, i Volsci e i Campani1; e presso questi ultimi poco meno che presso gli Etruschi medesimi fiorirono. Delle opere dell’


arte
  1. Limitrofi degli Etruschi, oltre i popoli qui mentovati, furono pure i Liguri, che moltissima parte dell’Italia prima degli Etruschi medesimi occupavano. V. Bardetti De’ primi abitat. dell’Ital. p. 1., [e il Giornale de’ Letterati Tom. iiI. anno 1771. art. 2. p. 58. segg.]; ma delle arti loro non abbiamo verun monumento, nè ragguaglio alcuno ce ne hanno tramandato gli storici. Il paese de’ Liguri, principalmente cisalpini e circompadani, fu poscia in gran parte occupato dagli Etruschi, T. Liv. lib. 5. cap. 19. n. 33., Plut. in Camill. op. Tom. I. p. 136. B., Strab. l. 5. p. 330. C., i quali vi fondarono quella, che il Demstero