Pagina:Storia delle arti del disegno.djvu/482

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
372 D e l   B e l l o   c o n s i d e r a t o

dito. Or poiché la ritondezza del mento era generalmente tenuta per una proprietà d’un bel volto, e si vede infatti su tutte le ragguardevoli opere degli antichi, noi possiamo con sicurezza conchiudere che, ove trovisi un mento colla pozzetta, ha quello un tratto d’ignorante disegnatore; e ove pure ciò si vedesse su antiche teste ideali, avremmo ragion di sospettare che su di esse una poco erudita mano avesse recentemente lavorato. Su questo fondamento io dubito se il bel Mercurio di bronzo nel museo d’Ercolano avesse originalmente il mento quale or gli si vede, e ancor più ragionevole mi pare il mio sospetto, quando penso essersi trovata quella testa in molti pezzi divisa e rotta.

[....delle orecchie ...] §. 24. Non v’è parte nessuna delle antiche teste, la qual sia lavorata con maggior diligenza che le orecchie; e la finezza del lavoro ci somministra qui un infallibile indizio per distinguere l’antico dalle aggiunte e dai riattamenti fatti posteriormente; in guisa che, ove nasca dubbio sull’antichità d’una gemma, se l’orecchio non vi si vede finito con tutta la diligenza, possiamo con certezza riconoscervi l’opera di mano moderna1. Nelle figure che sono immagini di determinate persone, ove pur queste non si riconoscano al volto, si possono talora riconoscere alle orecchie: così al vedere un orecchio d’un’apertura oltre l’usato grande e profonda, si conchiude esser quella la testa di Marc’Aurelio. Sono stati gli antichi sì esatti in foggiare questa parte, che ne hanno eziandio indicate le deformità particolari, come vedesi fra gli altri in un bel busto presso il marchese Rondanini, e in una testa della villa Altieri.

[... e singolarmente di quelle de’ Pancraziasti]

§. 2?. Oltre le moltissime diverse forme delle orecchie, che veggiam sulle teste, o prese dal naturale, o copiate da


al-


  1. Questa osservazione della bellezza delle orecchie si verifica nelle teste di sublime bellezza, e principalmente nei busti, che doveano vedersi da vicino, come in quello di