Pagina:Storia delle arti del disegno II.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

presso i Greci e presso i Romani. 151

Lib. I. Capo II.1, come lo è parimenti la lupa di bronzo allattante Romolo e Remo, posta ora nel Campidoglio, di cui si è parlato al Libro III. Capo III.2.

§. 14. Tarquinio Prisco3, o come ad altri piace, Tarquinio il Superbo4, fè venire da Fregella, paese de’ Volsci, a Roma un artefice che gli facesse la statua di Giove Capitolino in terra-cotta, e la quadriga che fu posta nella sommità del tempio. Plutarco dice, che furono artefici etruschi chiamati da Veja, ed altri vogliono che in Veja stessa fosse eseguita quell’opera5. Una statua di bronzo fece collocare nel tempio del dio Sango6 la moglie di Tarquinio Prisco; e v’erano le statue dei re7 poste all’ingresso del Campidoglio sin dal tempo del tumulto de’ Gracchi sotto il governo repubblicano.

[...ne’ primi secoli della repubblica...] §. 15. Ne’ primi tempi della repubblica, sì per le continue guerre in cui erano occupati i cittadini, si per la semplicità de’ loro costumi, ben poco lavoro si somministrava alle belle arti. Da un articolo dell’alleanza fatta con Porsenna dopo l’espulsione dei re, in cui si stabilisce che ad altr’uso adoperar non si debba il ferro se non all’agricoltura8 inferir si può che allora non si esercitasse punto la scultura, poichè in conseguenza di tal divieto mancati le sarebbono gli stromenti. Il più grand’onore che a que’ tempi far si sapesse ad un cittadino, era quello d’innalzargli una colonna9, e quando si cominciò a ricompensare con una statua i più importanti servigi renduti alla patria, fu pur fissato che oltrepassar

  1. §. 22. pag. 33.
  2. §. 11. pag. 202.
  3. Plin. lib. 5. cap. 12. sect. 45. [Vedi Tomo I. pag. 209. §. 4.
  4. Plut. in Popl. op. Tom. I. pag. 103. E.
  5. Ciò appunto è quello che dice Plutarco loc. cit.
  6. Scalig. Conject. in Varr. de ling. lat. lib. 6. pag. 160. [ Verrio presso Festo v. Præbia, le di cui parole riporta Scaligero, non dice di che materia fosse quella statua, che Cara Cecilia si fece innalzare in quel tempio.
  7. App. De beli. civ. lib. 1. p. 360. princ.
  8. Plin. lib. 34. cap. 14. sect. 39.
  9. id. lib. 34 cap. 5. sect 11.

non