Pagina:Storia delle arti del disegno II.djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
222 Storia dell’Arte presso i Greci

ΓΑΝΙΜΗΔΗС
ΛЄΟΧΑΡΟΥС
ΑΘΗΝΑΙΟΥ1


la quale sembra piuttosto fatta in Roma, che dalla Grecia trasportatavi colla statua, poiché né i Greci né i loro artisti erano soliti mettere il nome ad una sì nota figura2.

§. 12. A questa medesima epoca comincia l’ultima età de’ grandi uomini della Grecia, il tempo de’ loro ultimi eroi, dei savj, degli scrittori eleganti, e de’ grandi oratori: fiorivano allora Senofonte e Platone.

[Altre rivoluzioni nell'olimpiade civ.] §. 13. Ma tale tranquillità della Grecia fu di breve durata, e una nuova guerra insorse fra Tebe e Sparta, in cui prese parte la nazione intera, essendo alleati degli Spartani gli Ateniesi. Finì quella guerra colla battaglia di Mantinea, in cui i Greci, che non eransi mai trovati in campo in sì gran numero, combatterono gli uni contro gli altri, ed Epaminonda duce de’ Tebani terminò, dopo una compiuta vittoria, la sua gloriosa carriera. Questa vittoria operò immediatamente una nuova pace per tutta la Grecia, la quale fu conchiusa nell’anno secondo dell’olimpiade civ.3, in cui Trasibulo pur liberò Atene sua patria dal giogo degli Spartani e dai trenta tiranni4, ond’essa alzò nuovamente il capo. [Statuarj.] Questa pace universale, e principalmente le circostanze felici degli Ateniesi, sono senza dubbio il fondamento fu cui Plinio fissò a questa olimpiade l’epoca in cui fiorirono Prassitele, Panfilo, Eufranore, ed altri chiari artisti5.

[Prassitele...] $. 14. Prassitele lavorò del pari in bronzo e in marmo; ma, al dir di Plinio6, più in quello che in quello fu ce-


lebre,


  1. Spon. Miscell. erud. antiq. sect. 4. p. 127. Ganimede opera di Leocare ateniese.
  2. Veggasi appresso al Libro X. Capo I. §. 15.
  3. Diod. Sic. lib 15. §. 89. p. 73. Tom. iI.
  4. Scalig. Animad. in Eus. chron. p. 109. [ Dice estinti i tiranni sul principio dell’anno primo dell’olimpiade xcv.
  5. lib. 4. cap. 8. sect. 19. princ.
  6. lib. 4. cap. 8. sect. 19. §. 10. Properzio lib. 3. eleg. 10. vers. 16. ci vuol dire lo stesso:
    Praxitelem propria vindicat arte lapis