Pagina:Storia delle arti del disegno II.djvu/390

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
384 Storia delle Arti del Disegno

che fatti avrebbe l’arte degli Egizj, se le troppo austere leggi non gliel’avessero conteso. Abbiamo diffatti delle figure di granito rosso lavorate secondo il vero antichissimo stile egiziano, che certamente non prenderemmo per un’imitazione, se fra le altre statue, due che veggonsi a Tivoli, maggiori della grandezza naturale, non ci presentassero nelle teste le vere sembianze d’Antinoo1. Vediamo altresì delle statue, che indicano il fecondo stile dell’arte egiziana, e che certamente non furono lavorate in Egitto, come rilevasi dal marmo nero, di cui pur vi sono altre figure nello stile medesimo, ma in un più libero atteggiamento delle mani. Ve n’ha d’amendue le specie nel museo Capitolino, e nella villa Albani.

[...e ne’ lavori di stile greco.]

§. 15. Un maggior numero si è conservato di questi lavori d’imitazione, che del vero greco stile, cui Adriano sembra aver voluto per tal modo richiamare all’antica sua perfezione. [Centauri del museo Capitolino.] Nell’indicarli comincerò dai due Centauri, posseduti dianzi dal sullodato card. Furietti, e uniti poscia al museo Capitolino da Clemente XIII., che comprolli insieme al mentovato musaico per 13000. scudi romani. Nè annovero io già questi Centauri in primo luogo, perchè li creda la miglior opera di que’ tempi; anzi perchè appunto nol sono, e perchè hanno inciso sullo zoccolo il nome de’ greci artisti che gli scolpirono, Aristea e Papia afrodisiaci. Trovati furon essi nella villa Adriana assai maltrattati e guasti, onde molto vi fu da rappezzare2. Par che questi portassero sul dorso un fanciullo, come il Centauro della villa Borghese3, il che argomentasi da un largo buco quadrango-


lare


  1. Si veda ciò che ne abbiamo detto nel Tomo I. pag. 113. segg.
  2. Ne dà la figura il signor Cavaceppi Raccolta di statue, ce. Tom. I. Tav. 26. 27., e Foggini Mus. Capit. Tom. IV. Tav. 13. 14.
  3. Ho già notato nel Tomo I. pag. 306. not. a., che questo sia una copia del più vecchio di questi due del Campidoglio. Ciò è probabile, quantunque sembri più bello quello di questo, sì perchè questo ha l’iscrizione, e sì perchè l’essere in marmo bigio morato conviene più all’idea d’un originale,