Pagina:Storia delle arti del disegno II.djvu/434

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
426 Storia delle Arti del Disegno

perator Giustino, come ne fa fede il Codice greco miniato di Cosma, esistente nella biblioteca Vaticana al num. 699., e pubblicato dal Montfaucon1, ma senza copiarne tutte le figure, In questo Codice adunque fra le altre pitture veggonsi miniate due figure femminili, che danzano a pie del trono del re Davidde, e tengono ciascuna un panno che loro svolazza sopra il capo, con l’epigrafe ΟΡΧΗСΙС 2, la danza: e queste sono espresse con tanta leggiadria, che debbono credersi copiate da qualche pittura antica de’ buoni secoli dell’arte greca3. Cosma era un mercante, fattosi poi monaco, e vivea sotto il regno del detto imperatore, come egli stesso ce lo insegna nel libro secondo della sua opera, e ce lo conferma il patriarca Fozio45.

[Conclusione.]

§. 18. Io qui, ben lo veggo, ho già oltrepassati i confini che prefiggermi dovea, scrivendo la storia dell’arte; ma sebbene provassi un interno rammarico considerando l’arte nella sua decadenza, simile a quel cittadino che scrive piangendo la distruzione della sua patria di cui è stato testimonio; pur non ho saputo trattenermi dal tener dietro al destino delle grandi opere, e seguirle sin dove ne ho trovate le tracce. Cosi una tenera amante mira dal lido l’amor suo che solcando le onde s’allontana, e cui non ispera di più rivedere; lo segue sinchè può cogli occhi lagrimosi, e parie di scorgerne ancora l’immagine sulle lontane vele. A noi, come a quell’amante, non resta più che un’ombra dell’ogget-


to


  1. Collect. script. græc. Tom. iI. pag. 113.
  2. ΟΡΧΗСΗС sta scritto.
  3. Questa è una esagerazione.
  4. Biblioth. cod. XXXVI. pag. 22. [Fozio dà l’estratto del di lui libro, credendolo anonimo, come osservò il Fabricio Bibl. græca, Tom iI. lib. 2. c. 25. pag. 609.; e anonimo è il Codice Vaticano. Viveva già ai tempi di Giustino; ma scrisse ai tempi di Giustiniano verso l’anno 535., e seguenti, come nota il Montfaucon loc. cit. pag. I.
  5. Questo paragrafo l’ho qui aggiunto per maggior compimento, avendolo tratto dal Trattato preliminare, in fine, e dalle Annotazioni del nostro Autore a questo luogo della Storia. Notizie più esatte, e più diffuse, provate principalmente coi monumenti incisi in rame, sì per l’epoca dell’arte nei tempi accennati da Winkelmann in questo capo; e sì per il tratto successivo fino al risorgimento dell’arte medesima in questi ultimi secoli trascorsi, ce le darà l’indefesso, e diligentissimo signor cavaliere d’Agincourt nell’opera, che accennammo qui avanti pag. 78. col. 1.