Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

s u l l e   R o v i n e   d i   R o m a. 289

dir dei citati Paolo1, e Giovanni2 Diaconi, di s. Gregorio vescovo di Tours3, e dello stesso s. Gregorio il Grande4, sorpassò le mura della città, l’allagò qua si tutta, diroccò molte vecchie case, e produrle in appresso la spaventosa peste inguinaria, di cui furono vittime un numero ben grande di persone, e che durò quasi per tutto il primo anno del suo governo: flagello, che afflisse per lungo tempo questo misero popolo, e unito a tante altre calamità, al continuo spavento, e alle devastazioni portate all’Italia tutta dai Longobardi, e a Roma stessa, che cinsero d’assedio nell’anno 593.5, e la minacciarono nei seguenti, dando il guasto alla campagna, e tagliando a pezzi molta gente6, ben altri pensieri eccitar doveano in mente, e ben altri affetti nel cuore d’un sì buon padre per soccorrere i poveri, far venire da lontane parti il grano7, attendere, e invigilare alla difesa delle mura8, mantenervi a sue spese i soldati, spedir messi a Maurizio, e poi a Foca per averne aiuto, e far maneggi continui con altri principi per allontanare da Roma, e dall’Italia tante sciagure9; anziché colmar di rovine questa desolata città, renderla un deserto, ed uno scheletro informe, per cui si accrescesse vieppiù agli occhi suoi, e del popolo l’immagine dell’orrore, e della desolazione.

Vagliono ancora a difendere s. Gregorio da quelle accuse gli scavi, che si sono fatti per ogni parte in Roma, e nelle vicinanze dagli ultimi secoli scorsi sino a’ tempi nostri; medianti i quali una infinità di statue di ogni forte di

Tom III. O o dei-


  1. De gest. Langob. lib. 3. cap. 23., e nella vita di s. Gregorio, cap. 10.
  2. Nella vita di s. Gregorio, lib. 1. c. 34.
  3. Hist. Francor. lib. 10. princ.
  4. Dialog. lib. 3. cap. 19., lib. 4. c. 32. oper. Tom. iI.
  5. Muratori Annali d’Ital. anno 593. Tom. iI. par. 2. pag. 359., Zanetti Del regno de’ Longob. Tom. I. lib. 2. n. 27. p.145. Il Baronio lo differire sino all’anno 595. Annal. Tom. X. n. 1. segg. p. 577. a quell’anno.
  6. Vedi s. Gregorio stesso Homil. uit. in Ezech. in fine, oper. Tom. I. col. 1430., e Epist. lib. 6. epist. 6.
  7. lib. 1. epist. 2. e 72.
  8. lib. 9. epist. 124.
  9. Vedi Zanetti loc. cit. num. 28. segg. pag. 145. segg.