Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
304 D i s s e r t a z i o n e

Qualunque però fosse il lustro, che potè acquistar la città per opera di Teodorico, e de’ suoi successori, al sopragiugnere della guerra portatavi da Belisario nell’anno 536.1, fu di nuovo bersagliata, e guasta in molte parti. La Mole Adriana, le mura, la regione di Trastevere, e gli acquedotti furono già ricordati tra quelle, che ne provarono il maggior danno. Cacciatine finalmente i Goti per opera di quel valoroso capitano, come dicemmo, e di Narsete, buon per Roma se l’animo generoso e magnifico di Giustiniano avesse voluto, o potuto per l’età sua estendervi quelle benefiche providenze, che avea dimostrate per Costantinopoli, e per tutto l’impero alzandovi moltissimi edifizj grandiosi2. Appena ebbe tempo quello imperatore di promulgarvi il suo Codice3, nel quale avea ripetute, ed approvate quelle leggi, che provedeano alla conservazione delle fabbriche, e al loro risarcimento, assegnando di nuovo per esse la terza parte dei pubblici proventi4; e dando a chiunque la facoltà di restaurarle a sue spese, come dicemmo aver già rescritto gl’imperatori Valentiniano, e Valente nell’anno 364. al prefetto Simmaco5: Intra, Urbem Romam (veterem, & novam) nullus Judicum novum opus informet, quoties serenitatis nostræ arbitrio, cessabunt (nisi ex suis pecuniis hujusmodi opus construere voluerit). Ea tamen instaurandi, quæ jam deformibus ruinis intercidisse dicuntur, universis licentiam damus.

Quella legge poco potè servire a far risorgere la città; perchè verso il fine del secolo si trovò più che mai profondata ne’ disastri sì per la grande inondazione del tevere, e per l’orribile peste indi seguitane, e sì per le devastazioni recate dai Longobardi alla sua campagna, e al


resto


  1. Muratori Ann. d’Ital. anno 536. Tomo iiI. par. 2. pag. 135.
  2. Vedansi descritti da Procopio De ædificiis Justiniani. Vedasi anche Gio. Antiocheno cognominato Malala, Hist. chron. lib. ult.
  3. Ne parla nel suo editto dell’anno 554. al cap. 11.
  4. lib. 8. tit. 12. leg. 11.
  5. ivi leg. 5.