Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/434

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
416 Dissertazione sulle Rovine di Roma.

noi lo lasceremo a durar lungamente degno oggetto d’ammirazione a chi lo vede, lo copia, e lo disegna; e più di quello, che sull’informe scoglio di Pietroburgo sembra precipitarsi, fermo, ed immobile alle atrabilari zannate dei Falconet, e degli altri tutti, che per esaltare le proprie cose, avviliscono, e deprimono le altrui.



SPIE-