Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/590

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
572 Indice

quanto alta 194. aveva occhi incastrati d’altra materia 39. e calzari, o scarpe alte all’uso tirreno I. 426. quanto costasse il suo manto d’oro II. 189. quando fosse fatta 194. 301. sua Venere a Lenno, in che lodata da Luciano, e qual parte volea, che se ne imitasse 111. sua Amazzone posposta in concorso a quella di Ctesilao I. 325. suo Giove Olimpico d’avorio, e d’oro 260. 327. II. 115. quanto grande 194. quando fatto ivi, 301. fanatismo incredibile de’ Greci per andarlo a vedere 190. 391. restaurato da Damofonte, che n’ebbe premio onorifico 194. colpirò da un fulmine al tempo di Giulio Cesare 340. Caligola volea farlo portare a Roma, ma ne fu sconsigliato, e perchè 339. si andava ancora a disegnarlo al tempo di Giuliano l’apostata, e di Teodosio il Grande 416. da cui fu fatto portare a Costantinopoli, ove poco dopo perì in un incendio 424.

Fidia e Ammonio figli di Fidia, lavorarono insieme ad un Cercopiteco II. 136. III. 431.

Filippo imperatore, sua caccia in un bassorilievo xxx.

Filippo re di Macedonia, vedi Atene.

Filo a piombo, inventato da Dedalo II. 165.

Filomaco, o Firomaco scultore II. 274.

Filopemene, uno degli ultimi eroi della Grecia 349. onorato di statue, e di un tempio II. 272. sua prodezza 281.

Filottete morsicato dal serpe, come rappresentato 338. II. 203. Vedi Pittagora di Reggio.

Finestre delle case, bagni, e tempj, se fossero molte, loro forma, se alte, e le mettessero sulla strada III 73. seg. 205. segg. ripari, che vi mettevano, cancelli, vetri, pietre specolari, ed altre materie 74. 206. tendine 74. 76. seg. sportelli di legno se fossero in uso ivi, ornati, che si facevano alle rotonde aperture, che tenevano luogo di esse 101. Vedi Tempj, Vetri.

Fionda, vedi Sfendone.

Firomaco, vedi Filomaco.

Fisonomia dei Cinesi, Egizj, Giapponesi, Calmucchi, Mori, ed altri 270. Vedi Animali.

Fiumi personificati, colore dato alla loro chioma 403. alle loro vesti 404.

Flaminino Tito Quinzio, quanto operasse a benefizio della Grecia II. 28 j.

Flammeo, velo delle romane, di qual colore, e in qual tempo portato 423.

Focesi, loro muro fatto a Tartesso III. 475. loro viaggio in Italia, e in altre parti 476. fondano Jela, detta poi Velia ivi.

Fondamenta, come si facessero dagli antichi III. 27.

Fondi Pietro, sua arte nel falsificare i vasi detti etruschi 251.

Fontane, vedi Bagni.

Forche Caudine, ove fossero III. 241.

Forcipe & ferra præliari, che sia 177.

Forme delle slatue in bronzo, vedi Statue.

Foro di Trajano, sue colonne III. 44. Alessandro Severo vi raduna le statue degli uomini illustri II. 403. vi si ergevano le statue ai personaggi benemeriti anche nel quarto secolo dell’era cristiana 417. suo stato nel secolo ottavo III. 327. nel duodecimo 354. seg. Vedi Colonna di Trajano.

Fortuna, vedi Bupalo.

Francesi, loro capacità per le belle arti, e valenti artisti, che hanno avuto 59.

Frange, usate all’orlo del manto, non della veste 110. 410. quali si vedono in molte figure 411.

Frangipane, famiglia romana, occupa fabbriche III. 530. ha l’investitura di altre dai Sommi Pontefici 334. Vedi Anfiteatro Flavio.

Frascati, villa antica ove ora è la Ruffinella, e casa, che vi era, in parte descritta III. 63. sue camere, e stufa 84. 204.

Fregella, vedi Tarquinio Prisco.

Fregio nell’ordine dorico, come chiamato dai Greci, e come quello dello jonico III. 98. come li ornasse il dorico, e il corintio 97. 99. con bassirilievi di terra cotta 93. 100. Vedi Mecope, Triglifi.

Frigj, e Lidj, loro maniera di vestire 361. seg. 407. tibie dei primi II. 65.

Frigillo incisore in gemme, come fece Amore II. 121.

Frine, amica di Prassitele 327. da lui ritrattata nella Venere di Gnido 179.

Fronte bella, come debba essere 357. ornato portatovi dalle donne 435. Vedi Alcmena.

Frontispizio delle case, e de’ tempj III. 65. come ornato ivi, 91. segg. ne’ tempj, che sia, e doppio 93. Vedi Timpano.

Fumaiuolo, se fosse usato dagli antichi in cima alle case, e perchè non si veda negli antichi monumenti III. 211.

Fumo, se gli antichi usassero d’incanalarlo dentro al muro, e colla cappa, come al presente III. 210. segg.

Funerali, in occasione di essi le vesti si portavano discinte 415. Vedi Capelli, Corrotto, Leggi romane, Numa.

Gabj, loro pietre adoprate in Roma II. 159.

Galba, suo naso perchè detto simo II. 120.

Galli, o Celti, loto fisonomia, e capelli lunghi, e stesi 46. mustacci II. 207. seg. Vedi Francesi.

Gallieno imperatore, dal suo tempo comincia la total decadenza nelle arti II. 405. suo preteso Circo III. 29.

Gallina numidica, vedi Iside.

Gallone d’oro, usato dagli antichi, e pezzi, che se ne hanno 403.

Gambe incrocicchiate, se fosse stimato atto indecente 333. figure così rappresentate, e principalmente d’Apollo, Bacco, Mercurio, Meleagro, Paride, Ganimede ivi, seg. delle Ninfe 335. delle persone afflitte, e dei giovani Satiri ivi, loro bella forma nelle


II. 315