Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/610

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
592 Indice

Servio Tullio, impose contribuzione agli abitanti della campagna di Roma per alzarvi delle are, e farvi sacrifizj 254. tempio da lui fatto in Roma a Diana Efesina, e perchè III. 491.

Serzana scultore II. 139.

Sesostri, sua epoca 78. sue conquiste, sue opere, e artisti, che vi lavorarono ivi, 5. seg. III. 160. con quai simboli rappresentasse le nazioni vinte I. 9. sua nave di cedro foderata d’oro, e d’argento II. 130. Vedi Obelischi.

Sesso, come s’intenda, che Eumaro il primo dipingesse la diversità di esso 8.

Seta, abiti di erta usati dagli antichi come si conoscano nelle pitture 400. quando le ne introducesse l’uso in Roma ivi, tinta di color di porpora 401. Vedi Modello.

Settimio Severo, quando fatto imperatore III. 351. atti al suo tempo, e suoi monumenti II. 401. seg. Vedi Arco, Panteon, Settizonio.

Settizonio di Severo, occupato dai Frangipane III. 351. in dominio del monistero di s. Gregorio, che lo dà in affitto agli stessi Frangipane 336. rovinato in parte al tempo d’Enrico IV. quando serviva di fortezza 338. demolito da Sisto V. 380. descrizione di esso 340.

Seusi pittore, quando fiorisse 160. II. 226. 302. suo stile 230. sue teste grandi, e articolazioni fortemente espresse I. 348. fu uno dei primi a usar chiaroscuro 260. dipingeva col color bianco II. 74. 76. sua lentezza nel dipingere 189. sua scelta di parti da più donzelle per fare una Giunone, e altra donna 190. I. 285. Vedi Bernini. Difetto in lui ripreso da Aristotele 104. II. 230. fu anche scultore I. 262. Vedi Timomaco.

Sfendone, o fionda, strumento da tirar sassi, uso fattone dagli antichi 253. Vedi Pirecma. Si diceva anche l’incassatura dell’anello, ove si metteva la pietra 34. e un ornamento, o fascia, che si mettevano le donne in capo 183. 317.

Sfingi, che fossero presso gli Egiziani, e i Greci 93. segg.

Sibari, fu fondata dai Dori dell’Acaia III. 475. diftrutta dai Crotoniati ivi, II. 90. Vedi Monete, Posidonia, Trezenj.

Sicilia, belle donne, che vi sono 49. ingegno dei suoi abitanti 50. poeti immaginosi 58. prime colonie greche stabilitevisi, e città, che vi fondano III. 117. seg. tempo della sua maggior floridezza dopo la pace tra Gelone, e i Cartaginesi 122. II. 188. quando vi fiorissero le arti 275. fabbriche antiche, delle quali vi restano avanzi III. 10. 506. Vedi Girgenti, Monete, Scipione Africano il minore, Siracusa, Verre.

Sicione, studio del disegno stabilitovi generalmente, e poi nel resto della Grecia II. 74. scuola di pittura, e scultura, che vi era 171. segg. fino a quando vi si mantenesse in credito la pittura 273. sue pitture descritte da Polemone 172. dopo averla liberata dai tiranni Arato ne mandò molte al re Tolomeo in Alessandria 273. I. 249. beneficata da Attalo II. re di Pergamo II. 278. cura, che ebbe dei giuochi istmici dopo presa Corinto dai Romani 288. III. 139. Vedi Dipeno, Scauro.

Sicomoro, usato dagli Egiziani per li monumenti dell’arte 16.

Sicurezza, come rappresentata nelle monete 334.

Sidone, eccellente nei lavori di vetro 36. III. 206. e in altre manifatture I. 146.

Sigilli, in luogo di essi dai più antichi Greci si usavano pezzi di legno corroso da vermi 33.

Silanione pittore 256.

Silaro fiume, qualità petrificante delle sue acque III. 20.

Sileno, maniera di rappresentarlo 293.

Silla, portava indosso una figurina d’Apollo Pitio in oro, e spesso la baciava 53. danni, che fece in Atene, e monumenti, che portò a Roma II. 296. segg. tempj più celebri della Grecia, che saccheggiò 298. protegge le arti in Roma, e tempio che eresse alla Fortuna in Preneste 310. sua statua 197. Vedi Giuochi, Preneste.

Silvano, vedi Porcelli.

Silvio da Velletri, suoi vasi xxix.

Simmaco Quinto Aurelio, abbellì Roma, e la campagna di monumenti III. 303. ebbe incombenza dal re Teodorico di far restaurare il teatro di Pompeo ivi.

Simone scultore II. 170.

Simonide, sua epoca, e lettere da lui inventate II. 96. 99. quando cominciassero ad usarsi pubblicamente 180. immaginò anche l’elegia 179.

Siracusa, capo delle colonie joniche in Sicilia II. 275. arti, che vi fiorirono 276. Apollo Temenite, che vi era, fatto portare a Roma da Tiberio 337. suo popolo rappresentato con delle statue in Rodi, e perchè 177. saccheggiata dai Saraceni III. 313. Vedi Jerone, Marcello Claudio, Monete.

Siria, statue portate di là a Roma II 293. Vedi Antioco IV., Scipione Lucio Cornelio, Seleucidi.

Sisto IV. Papa, sue previdenze per le strade, e le fabbriche, e gli ornamenti di Renna III. 371. seg. restaura il palazzo Lateranense, e pone in luogo più vistoso la statua equestre di M. Aurelio 414. demolì un tempio-creduto d’Ercole 409. Vedi Acquedotti.

Sisto V. Papa, fece condurre l’acqua Felice, e quanto vi spendesse III. 381. restaurò i due cavalli del Quirinale ivi, obelischi, che fece rialzare 382, seg. quello del Vaticano lo fece


II. 315