Pagina:Storia di Milano I.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo terzo 83

e la tribuna. La porta della chiesa di San Celso, l’altare di San Giovanni in Conca sono di que’ tempi: cose tutte lontane della eleganza che soddisfi un delicato conoscitore; ma però non affatto barbare, anzi lavori di qualche sorta di merito. Gli organi erano adoperati nelle chiese anche in Milano; ma erano fabbricati in Costantinopoli, dove rimaneva ancora ricoverato qualche avanzo di manifatture. Lodovico il Pio aveva ricompensato un prete veneziano che da Costantinopoli aveva portato l’arte di fare gli organi. Il papa Giovanni VIII aveva chiesto in grazia dal vescovo di Frisinga un organo, e chi lo suonasse, l’anno 873; il che ci fa vedere che nemmeno la musica aveva luogo nell’Italia.

Come potesse vivere il popolo in que’ tempi in mezzo a una tale ignoranza, fra i torbidi dei magnati del regno, sotto il governo di sovrani che col veleno e cavare gli occhi cercavano di mantenersi sul trono, in un regno elettivo, esposto a invasioni straniere, facile è lo immaginarselo. Il visconte di Milano, che fra gli altri obblighi della sua magistratura, aveva quello di patrocinare i pupilli e convalidare gli atti che si facevano in loro nome, nell’876 non potè firmare una carta che anche oggidì conservasi nell’archivio di Sant’Ambrogio, e vi fece in luogo del suo nome una croce per non sapere esso scrivere; e di sedici persone che intervennero a quel contratto, appena sette poterono fare il loro nome, e nove, per non saper scrivere, vi apposero la croce1. Anche da ciò facilmente comprendiamo in quale misero stato dovessero trovarsi gl’interessi de’ cittadini. La carica di Viceconte era immediatamente subalterna del Conte, che reggeva

  1. Il conte Giulini, tomo I, pag. 366 e 471.