Pagina:Storia di Milano I.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


un monarca offeso e adiratissimo; del quale, nello stato in cui erano le cose, non era da sperarsi diminuito lo sdegno, quand’anche si accelerasse di qualche poco la dedizione; per modo che una più lunga resistenza riusciva in favore della città. Così allora dicevano i consoli, dei quali i nomi meritano di essere ricordati, Ottone Visconte, Amizone da Porta Romana, Anselmo da Mandello, Gottifredo Mainerio, Arderico Cassina, Anselmo dell’Orto, Aliprando Giudice, ed Arderico da Bonate. (1162) Ma l’intollerabile peso de’ mali della carestia mosse il popolo, e la vita de’ consoli fu in pericolo; per lo che si dovettero spedire immediatamente all’imperatore le condizioni della resa. Nessuna condizione volle ammettere il vincitore, e volle che ci rendessimo senza alcun patto, abbandonandoci alla clemenza sua. Così Milano se gli rese; a ciò anche animati i Milanesi dalle promesse de’ principi, i quali assicuravano che l’imperatore avrebbe operato generosamente; il che ce lo attesta lo stesso Bucardo, oltre il Morena.

La sommissione dei Milanesi si rappresentò, al principio di marzo 1162, nella nuova città di Lodi. Ivi si prostrarono avanti l’imperatore gli otto consoli. Furongli consegnati quattrocento ostaggi, trascelti fra gli ottimati. Le armi e le insegne militari furono depositate a’ suoi piedi. Gli fu giurata obbedienza illimitata. Io non descriverò minutamente quello spettacolo umiliante; poichè quando una città si rende a discrezione, come facemmo noi, è detto tutto. Ogni avvilimento, ogni insulto di più che debba soffrire il popolo che in tal modo si è reso, può far torto bensì alla grandezza d’animo del vincitore, ma non aggiugne alcuna macchia di più ad una città che non ha più