Pagina:Storia di Milano I.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ne fece uscire gli abitanti, e distrusse la città. Doveva prima giudicare se uno sterile ammasso di rovine deserte sia una dominazione gloriosa ed utile per un monarca. Poi, supposto che trovasse conveniente un tal partito, doveva trasportare i cittadini nel fondo della Germania, divisi in modo che non più potessero concertare il ritorno. Collocandoli alle porte della città, non potevasi aspettare l’imperatore altro avvenimento, se non di vedere rinata la città al primo istante in cui fosse allontanata la forza ch’egli vi esercitava. Nel 1758 gli Austriaci furono a Berlino, e i Prussiani a Dresda; che direbbe la storia se avessero posto l’incendio nelle due città? In mezzo all’ardore della guerra le nazioni colte ed i sovrani illuminati risparmiano all’umanità tutti i danni superflui. Tutti sono concordi gli scrittori asserendo che non furono demolite le chiese; ed abbiamo anche oggidì il colonnato di San Lorenzo, l’atrio di Sant’Ambrogio, le torri di San Sepolcro, le chiese di San Giovanni in Conca, di San Sempliciano, di San Celso, di San Satiro, il battisterio incorporato nella chiesa di San Gottardo, ed altri edifici, che ci fanno prova del riguardo usato allora ai luoghi sacri. A qual uso poi si riservassero questi edifici privi di ministri e di adoratori, non saprei dirlo; tanto più che le reliquie ivi esistenti furono trasportate dai vincitori nella Germania, dove anche oggidì in Colonia veggonsi i tre corpi che si dicevano de’ Magi, dall’arcivescovo di Colonia Reinoldo levati da Sant’Eustorgio. La superstizione di quei tempi avrà fatto credere che fosse un maggior delitto il diroccare le mura d’un tempio, che di ridurre alla estrema angoscia gli uomini d’una città. Il Morena, lodigiano ed imperiale, ci lasciò scritto, che: Quinquagesima pars Mediolani